Le Rubriche

Intolleranza al lattosio: consigli utili su come affrontarla

Latte di soia

L’intolleranza al lattosio è un disturbo alimentare che colpisce quasi il 70% della popolazione dell’Europa del sud. Questa particolare patologia si basa sull’incapacità da parte dell’organismo di digerire il lattosio, il principale zucchero del latte, ed è causata da una carenza di lattasi, l'enzima che scinde il lattosio in zuccheri semplici che vengono poi assorbiti dal tratto gastrointestinale. Ma seguendo alcuni consigli utili sull’intolleranza al lattosio, e optando per i sostituti del latte, è possibile evitare qualsiasi tipo di problema e vivere la quotidianità senza particolari preoccupazioni.


Intolleranza al lattosio: occhio alle etichette

Intolleranze al lattosio


Il latte è uno degli alimenti più utilizzati in cucina e nelle preparazioni industriali di biscotti, creme e in molti casi anche dei salumi, come polvere di lattosio nei granuli omeopatici, per gli sportivi come siero di latte in polvere per proteine, e in tanti altri alimenti. Per questo motivo la prima regola da seguire, per gli intolleranti al lattosio è leggere le etichette dei prodotti, in modo da eliminare o almeno ridurre al minimo le percentuali di latte assunto.


No alle rinunce inutili

Parmigiano


Bisognerebbe evitare del tutto latte vaccino, latte di capra, latticini freschi, gelati, panna o prodotti in cui il latte o il lattosio sono usati come ingredienti. È possibile però mangiare grana e parmigiano soprattutto se stagionati a lungo e, quindi, con un contenuto di lattosio quasi nullo.


Lunga vita alle alternative al lattosio

Latte di soia


Tra i consigli utili sull’intolleranza al lattosio, c’è sicuramente quello di tenere bene a mente i sostituti naturali del latte. A differenza del latte vaccino, tutti questi latti vegetali non contengono colesterolo: - Latte di soia: è indicato per chi ha il colesterolo LDL (cattivo) alto, in quanto la soia apporta sostanze che lo riducono. - Latte di riso: ricco di zuccheri semplici, fornisce energia prontamente disponibile. Contiene sempre oli aggiunti, solitamente di girasole (deve essere spremuto a freddo). Attenzione alla presenza di oli vegetali non meglio specificati.


Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui tuoi social network!

Pin It

Organic Food

Fare Mercato nasce come punto di riferimento per la G.D.O. (Grande Distribuzione Organizzata).

In un mare così sconfinato e spesso sconosciuto, soprattutto per il consumatore, Fare Mercato funge da faro, luogo di aggregazione per imprenditori e clienti diretti.

Dove siamo

contentmap_module